MATISSE. CUT-OUTS (I) #BasicArt

Gilles Néret

  • Editore: TASCHEN
  • ISBN: 9783836537339
  • Disponibilità: Immediata
  • Prezzo: 9,99€ 8,49€
    Risparmi 1,50€ (-15%) al momento dell'acquisto
    Spedizione GRATUITA per ordini sopra EUR 40

    Dipingere con le forbici
    Come Matisse uscì di scena in un tumulto di forme e motivi colorati

    Henri Matisse (1869–1954) era uno spirito combattivo. Malgrado il cancro diagnosticato nel 1941, il progressivo indebolimento e la necessità di usare la sedia a rotelle, l’indomito francese non abbandonò mai la propria ricerca artistica. In quella che chiamava “une seconde vie,” la sua seconda vita, conobbe un “periodo collage” che diede risultati notevoli: tagliava e incollava pezzi di carta colorata per realizzare gouaches découpées (carte dipinte a guazzo ritagliate) di uccelli, piante, fiori e forme femminili.

    Enfatizzando colore e contrasto, la tecnica delle “carte ritagliate” generava linee straordinarie e vividi accostamenti. In opere quali La caduta di Icaro (1943), Nudo blu (1952), La lumaca (1953) e Il fascio (1953), forme nitide e strutture elementari alimentano una forza compositiva in contraddizione con il fascino decorativo dell’opera, che risulta rigorosamente strutturata e al tempo stesso pervasa di una contagiosa gioia di vivere. Con l’evolvere del suo lavoro, l’entusiasmo di Matisse per i risultati ottenuti lo portò a lavorare sempre più in grande, passando da piccole opere a vasti murali delle dimensioni di una parete.

    Man mano che si avvicinava alla fine della sua vita, l’artista traeva sempre maggiore felicità dalla splendente semplicità di queste opere e ammetteva: “Solo ciò che ho creato dopo la malattia rappresenta ciò che sono veramente: libero, liberato…”. In questa essenziale introduzione, rivisitiamo il lieto capitolo finale della lunga e prodigiosa carriera di Matisse, soffermandoci su come le carte ritagliate offrano una sintesi del percorso dell’artista attraverso un’esplorazione delle possibilità di composizione, forma e colore.

    L’autore:
    Gilles Néret
    (1933–2005), storico dell’arte, giornalista, scrittore e curatore museale, ha organizzato varie retrospettive in Giappone e ha fondato il museo SEIBU e la Wildenstein Gallery a Tokyo. Direttore di riviste specializzate come L’Œil e Connaissance des Arts, nel 1981 ha ricevuto il premio Élie Faure per le sue pubblicazioni. È autore di vari volumi per TASCHEN, tra cui Salvador Dalí: I dipinti, Matisse ed Erotica Universalis

    #BasicArt #logosedizioni

    Dati Libro
    Argomento Arte
    Autore Gilles Néret
    Collana BA
    Copertina cartonato con sovraccoperta
    Dimensioni cm 21,0 x 26,0
    Pagine 96
    Lingua/e italiano
    Peso 0.6 kg
    © Libri.it INTER LOGOS S.R.L. - via Curtatona 5/2 - 41126 Modena - Italia -
    P.IVA e C.F. 02394080366 - REA Modena No. 298980 - C.S. 110.400 Euro
    payments