IL TRENO - OUTLET

Chiara Carrer, Silvia Santirosi

  • Editore: #logosedizioni
  • ISBN: OUT8857602523
  • Disponibilità: In Magazzino
  • Quantità disponibile: 1
  • Prezzo: 16,95€ 8,48€
    Risparmi 8.48 (-50%)
    Spedizione GRATUITA per ordini sopra EUR 30

    Questo volume è a metà prezzo perché è in offerta speciale o presenta lievi ammaccature o piccoli difetti dovuti al trasporto o all'esposizione in libreria. Per maggiori informazioni potete scrivere a: luca@libri.it

    Come posso dirti
    che le persone che amiamo
    muoiono, ci lasciano e vanno via?
    Come posso dirti
    che l’amore e la gioia fanno parte della vita
    come il dolore e la tristezza?
    […]
    Come posso dirti tutto questo, bambina mia?
    Allora non ti dico niente e inizio a raccontarti una storia.

    La piccola protagonista de Il treno deve far fronte alla terribile perdita della madre. Suo padre sceglie di ricorrere a una storia per aiutarla a capire un avvenimento tanto doloroso quanto naturale.

    Fin dall’antichità i racconti sono serviti come veicolo di conoscenza e strumento di comprensione. Il metodo di insegnamento attraverso il racconto è molto efficace, come dimostra la sua enorme diffusione e l’impiego di questa tecnica narrativa in molte tradizioni spirituali. Il suo uso a fini didattici per la trasmissione di verità universali rimanda alle parabole evangeliche, una tecnica usata anche nel Talmud, nel Bhagavadgītā, nelle Ghāthā di Zarathuštra e nel Corano.

    Silvia Santirosi e Chiara Carrer hanno saputo introdurre tanto nel testo quanto nelle immagini la giusta dose di tatto e delicatezza che temi di questa portata richiedono: l’illustratrice non crea scenari propizi al dramma, né l’autrice ricorre a pietose bugie con cui edulcorare la perdita.

    Ogni sera vai alla finestra a guardare la tua stella, quella stella che hai scoperto su nel cielo. Non rende più luminosa la tua notte, ma sarà sempre lì.

    Questo racconto insiste sul fatto che i bambini, al pari degli adulti, hanno bisogno di tempo per assimilare una perdita profonda: Il treno è lì, fermo sul binario, papà. Il capostazione fischia l’ultimo richiamo e le porte si chiudono. Mi lasciano fuori, da sola. Non sono riuscita a salire sul treno. C’era come un muro invisibile che mi impediva di muovermi, di camminare. Sventolo il mio biglietto. Mi metto a gridare che devo assolutamente salire, anche se so che è troppo tardi. Il treno parte. Notte dopo notte non posso far altro che vederlo scomparire dietro una curva.

    Nella sua opera prima, Silvia Santirosi gioca con la carica simbolica dei sogni e del treno per approcciare il timore che sempre si accompagna al dover far fronte a una nuova tappa della vita, a maggior ragione quando questa è forzata da una perdita tanto forte come quella vissuta dalla protagonista.

    Nei sogni il treno è l’immagine della vita collettiva, sociale... Indica un processo psicologico, una presa di coscienza che apre a una nuova vita. Sognare di perdere il treno provoca sentimenti di impotenza (nei confronti della vita) e insicurezza. Il progresso può essere ritardato dalla frustrazione, dal fallimento… La stazione è il punto di partenza, un simbolo incoscio. Bisogna prendere una nuova direzione, ci si trova certo in un centro di circolazione, ma… qual è il percorso giusto? Nei sogni prendere il treno significa superare una tappa. La difficoltà di salirci è la difficoltà di integrarsi nella vita sociale che può essere dovuta, tra le tante cause, all’isolamento o all’introversione.

    Per dare vita a questo precoce apprendistato, Chiara Carrer sceglie disegni semplici dalla forte carica concettuale, con cui intende trasmettere la paura, i dubbi e le incertezze inerenti alle “difficoltà di vivere”. Tutti temi su cui si è orientata nei suoi ultimi lavori, perché le offrono la possibilità di esplorare l’interiorità umana, in un mondo “sempre di fretta, che va avanti e non lascia spazio alla riflessione”, uno spazio che questo libro esige e propizia.

    Chiara Carrer illustra e crea nel campo dell'editoria da più di vent'anni. Nata a Venezia, si è diplomata in pittura all'Accademia di Belle Arti di Roma e in incisione alla Scuola di Arti Ornamentali San Giacomo. Dal 1990, ha pubblicato più di cento libri in tutta Europa Il Grande Ploff, Otto Karotto, Cappuccetto rosso, A qui la faute?, Alice raconté aux petits enfants e la serie di Lutin,ha ottenuto i riconoscimenti più importanti come il premio Apel Les Mestres, il premio UNICEF, il premio Il battello a Vapore, il Premio Andersen, l'Osterreichischen Kinder und Jugendbuch-lllustrationspreis, la menzione Premio Bologna ragazzi Prima Infanzia alla Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna, la menzione speciale al Premio Ilustrarte Biennale Internazionale d'illustrazione per l'infanzia e nel 2000 riceve il Premio Golden apple di Bratislava. Il Lord delle Liane, Bambine terribili, ABC, Troisdorfer Bilderbuch Preis, Progetto Alice, Alice et Peter, Il Gigante Egoista, Eine imaginare bibliothek, Arlequin sono solo alcune delle numerose mostre personali e collettive, nazionali e internazionali, che hanno accolto la sua opera in questi anni. Nel 1997 il Premio Catalogna Biennale d'Illustraciò de llibres per a infants e nel 2004 il concorso Figure future di Montreuil l'hanno chiamata a far parte della giuria. Oggi Chiara insegna illustrazione all'ISIA di Urbino e all'Accademia di Belle Arti di Bologna .

    Silvia Santirosi è nata a Roma nel 1981. Si laurea in Filosofia nel 2005. Dal 2010 è iscritta all’Albo dei Giornalisti. Collabora con L’Espresso, L’Unità, Andersen e Le conquiste del lavoro. Ha pubblicato la raccolta di poesie Istantanee (Edilet, 2008), il libro per ragazzi Capitan Barbabrizzola. Un naso da salvare illustrato da Simone Rea (Anicia ragazzi, 2012) e racconti su diverse riviste.

    #ILLUSTRATI #logosedizioni

    EVENTO:

    PASSA LA PAROLA 2017 - FRAMMENTI DI SGUARDO . Modena, Biblioteca Delfini, Sala Conferenze, venerdi 22 settembre dalle 16.45 alle 18.30 con Chiara Carrer. Lezione sull’albo illustrato: immagini evocative di un linguaggio di figure e segni, che unisce i dualismi tra razionale ed emotivo. Apertura mostra “Frammenti di sguardo” . Per insegnanti di ogni ordine e grado, bibliotecari, formatori, genitori e appassionati. In collaborazione con Memo

    IN MOSTRA:

    FRAMMENTI DI SGUARDO. Modena,  Biblioteca Delfini e Biblioteca dei Ragazzi,  dal 22 settembre al 14 ottobre

    Dati Libro
    Argomento ILLUSTRATI
    Illustratore Chiara Carrer
    Autore Silvia Santirosi
    Collana OQO
    Copertina Cartonato
    Dimensioni cm 22,0 x 28,0
    Pagine 48
    Lingua/e italiano
    Serie SERIE O
    Peso 0.56 kg

    Commenti (0)

    Scrivi un commento


    Note: Non inserire codice HTML!

    Valutazione:



    Inserisci il codice nel box sottostante:

    © Libri.it INTER LOGOS S.R.L. - via Curtatona 5/2 - 41126 Modena - Italia -
    P.IVA e C.F. 02394080366 - REA Modena No. 298980 - C.S. 110.400 Euro
    payments