SEBASTIÃO SALGADO. EXODUS

Sebastião Salgado, Lélia Wanick Salgado

  • Editore: TASCHEN
  • ISBN: 9783836561327
  • Disponibilità: Immediata
  • Prezzo: 49,99€ 42,49€
    Risparmi 7,50€ (-15%) al momento dell'acquisto
    Spedizione GRATUITA per ordini sopra EUR 40

    Migrazioni umane
    Il crudo reportage di Sebastião Salgado su esuli, migranti e rifugiati

    È passata quasi una generazione da quando Sebastião Salgado ha pubblicato Exodus per la prima volta, eppure la storia narrata – quella di snervanti migrazioni umane in tutto il mondo – è cambiata poco negli ultimi 16 anni. I fattori di partenza e richiamo sono mutati e la zona calda si è spostata dal Ruanda alla Siria, ma chi è costretto ad abbandonare la propria casa racconta sempre la stessa storia fatta di privazioni, avversità e barlumi di speranza, lungo un percorso estenuante dal punto di vista fisico e psicologico.

    Salgado ha trascorso sei anni con i migranti, visitando oltre 35 Paesi per documentare il loro viaggio sulla strada, negli accampamenti e nei sovraffollati bassifondi dove spesso finiscono i nuovi arrivati. Nel suo reportage troviamo latinoamericani che attraversano il confine degli Stati Uniti, ebrei che abbandonano l’ex Unione Sovietica, kosovari che fuggono in Albania, rifugiati hutu del Ruanda e i primi barconi di arabi e africani subsahariani che tentano di raggiungere l’Europa attraverso il Mediterraneo. Le sue immagini ritraggono persone che sanno dove stanno andando e altre che sono semplicemente in fuga, liete di essere vive e ancora in grado di correre. I loro volti mostrano dignità e compassione nelle circostanze più difficili, ma anche innumerevoli segni di violenza, odio e avidità.

    Con il suo occhio per i particolari e il movimento, Salgado immortala gli angosciosi istanti del movimento migratorio, così come il flusso della massa. Troviamo così camion carichi, barconi stipati e accampamenti che si estendono fino al nero orizzonte, ma anche la piccola gamba fasciata, l’impronta di un dito su una pagina, l’intervista a una guardia di frontiera, un bambino in fasce stretto al seno della madre. Insistendo sulla portata del fenomeno migratorio, Salgado mette in luce, con caratteristico umanitarismo, le storie personali di cui si compongono i grandi numeri. Contro i volti indistinti dei servizi televisivi e le masse racchiuse in un titolo di giornale, qui vediamo ritratti di persone dotate di una propria individualità, persino dopo aver perso la terra, la casa e, spesso, i propri cari.

    Al contempo, Salgado dichiara l’universalità della condizione migrante come esperienza globale e condivisa, chiamandoci non solo come spettatori della sofferenza di esuli e rifugiati, ma anche come attori nei cambiamenti sociali e politici internazionali determinati dall’informazione, dall’urbanizzazione, dai danni ambientali e dalle profonde disuguaglianze nella distribuzione della ricchezza; tutti fattori che contribuiscono ai movimenti migratori. In un’epoca in cui i barconi sobbalzanti lungo le coste greche e italiane hanno riportato il fenomeno migratorio in Europa a livelli mai raggiunti dopo la Seconda guerra mondiale, Exodus ci impone di essere non solo più consapevoli, ma anche più responsabili e impegnati. Di fronte ai corpi segnati dalle cicatrici, alle centinaia di piedi nudi sull’asfalto rovente, il nostro imperativo non è guardare con compassione ma, nelle parole di Salgado, cambiare il nostro comportamento politico, economico e ambientale per rendere possibile un “nuovo regime di coesistenza”.

    Il fotografo:
    Sebastião Salgado ha iniziato la sua carriera come fotografo professionista a Parigi nel 1973, lavorando in seguito con le agenzie fotografiche Sygma, Gamma e Magnum. Nel 1994, insieme alla moglie Lélia, ha fondato Amazonas Images, agenzia che gestisce in esclusiva la sua opera. I suoi progetti fotografici sono stati esposti in molte mostre e pubblicati in numerosi libri, tra cui Other Americas (1986), Sahel: L’Homme en détresse (1986), Workers (1993), Terra (1997), Migrations (2000), Children (2000), Africa (2007), Exodus, Genesi (2013),  Genesis (2013, versione in inglese), Genesis (2013, Collector's Editions), Kuwait (2016), Kuwait (Collector’s Editions).
    Vedi anche Print set Sebastião Salgado Genesis (2014), Sebastião Salgado Postcard Set (2015), Sebastião Salgado. Memo game (2015).

    La curatrice:
    Lélia Wanick Salgado ha studiato architettura e progettazione urbana a Parigi. Il suo interesse per la fotografia risale al 1970. Negli anni ’80 ha iniziato a ideare e progettare libri di fotografia e a organizzare mostre, molte delle quali dedicate a Sebastião Salgado. Dal 1994 dirige l’agenzia Amazonas Images.

    OGNI LIBRO TASCHEN PIANTA UN SEME!
    TASCHEN è una casa editrice carbon neutral. Ogni anno compensa le proprie emissioni di CO2 con crediti dell’Instituto Terra, un progetto di riforestazione fondato da Lélia e Sebastião Salgado nel Minas Gerais, in Brasile.
    Se desiderate sostenere l'Istituto Terra o fare una donazione , troverete ulteriori informazioni sul sito www.institutoterra.org/donations

    #logosedizioni

    Dati Libro
    Argomento Fotografia
    Autore Sebastião Salgado, Lélia Wanick Salgado
    Collana FO
    Copertina Cartonato con opuscolo
    Dimensioni cm 24,8 x 33,0
    Pagine 432
    Lingua/e italiano
    Peso 3.7 kg
    Titolo Testata Data
    Scatti flessibili La Lettura - Il Corriere della Sera PDF 31-07-2016
    © Libri.it INTER LOGOS S.R.L. - via Curtatona 5/2 - 41126 Modena - Italia -
    P.IVA e C.F. 02394080366 - REA Modena No. 298980 - C.S. 110.400 Euro
    payments