DENTI DI FERRO

Maurizio A. C. Quarello, Tina Meroto

  • Editore: #logosedizioni
  • ISBN: 9788879407830
  • Disponibilità: Immediata
  • Prezzo: 16,00€ 13,60€
    Risparmi 2,40€ (-15%)
    Spedizione GRATUITA per ordini sopra EUR 40

    Tre fratellini, che trascorrono le giornate andandosene a zonzo di qua e di là, un bel giorno decidono di contravvenire alle raccomandazioni della mamma e si addentrano nel bosco buio e misterioso dove si dice che abiti la strega Denti di ferro. Il più piccolo dei tre, timoroso e consapevole del pericolo, cerca di mettere in guardia i fratelli, ma poi finisce per seguirli. Dopo aver camminato a lungo nel bosco, i tre bambini non sanno più come fare ritorno a casa. A un tratto avvistano la casa della strega e decidono di andare da lei, che li accoglie e li invita a fermarsi per la notte.
    Naturalmente si tratta di una trappola e sarà proprio il fratello minore, inizialmente deriso dagli altri per le sue paure, a rivelarsi il più assennato, l’unico in grado di riconoscere la strega per quello che è e di non farsi ingannare dalla sua apparente affabilità. Con astuzia, intelligenza e una buona dose di coraggio, prende l’iniziativa e affronta la situazione quando si fa critica.
    I racconti e le leggende sulle streghe sono parte della tradizione orale di molti Paesi (Turchia, Russia, Germania…) e vantano svariati antecedenti letterari. Combinando elementi tratti da racconti popolari turchi e russi, Tina Meroto ci riporta nel mondo delle fiabe classiche, mentre le immagini di Maurizio A.C. Quarello, che fanno un uso sapiente delle ombre e del chiaroscuro, attribuiscono ai topoi del genere tutte le caratteristiche che ci aspetteremmo… conferendo tuttavia alla strega un’insolita espressività. Pur caratterizzata dal classico naso adunco e da unghie e denti aguzzi, l’anziana megera sfoggia infatti un insolito ombretto azzurro (e baffetti e peli del naso più ispidi di quelli dei nonni!) e si produce in una gamma di espressioni dal disgustato all’impaziente che strapperanno un sorriso ai lettori più adulti. Dopo qualche sussulto iniziale, il lieto fine della storia rassicurerà i giovani lettori dimostrando come, con un po’ d’astuzia e caparbietà, tutti gli ostacoli possono essere superati.

    #ILLUSTRATI #logosedizioni

    “Fate attenzione, non andate nel bosco! Là vive la strega Denti di ferro, che si mangia i bambini” dice la mamma ai tre figlioletti che trascorrono le giornate a bighellonare in strada.
    Ma sappiamo tutti che sarà proprio nel bosco che i tre fratellini si dirigeranno alla prima occasione, in cerca di nuove avventure! Al grande e al mediano le streghe non fanno paura – figurarsi! – e il più piccolo, l’unico rispettoso degli avvertimenti della mamma, viene subito schernito per la sua prudenza (“Bel fifone!”). Così i tre si avviano di nascosto, e cammina cammina, si addentrano sempre più nel bosco scuro e misterioso… Finché cala la sera e, con il vento che sibila sempre più forte e le ombre che si fanno sempre più lunghe, i tre capiscono di essersi persi.
    Il grande e il mediano iniziano ad aver paura, così il più piccolo sale su un albero per cercare la via del ritorno… ma finisce per avvistare la casa della strega. Ed è proprio là che vuole andare l’imprudente fratello maggiore!
    “Venite, bambini, non abbiate paura” li accoglie una vecchina dai capelli candidi con la promessa di un pasto caldo e un letto confortevole, “domani vi riaccompagnerò a casa”. Stanchi e affamati, i due grandi vengono subito tratti in inganno, ma il più piccolo non si fida, perché entrando ha visto chiaramente una grossa gabbia, e al calar della notte i suoi dubbi sono confermati dalla vista del famigerato muro d’ossa di bambini…
    Il personaggio della strega divoratrice di bambini che vive in una casetta in mezzo al bosco è parte della tradizione orale di molti Paesi (Turchia, Russia, Germania…) e ha svariati antecedenti letterari, a partire dalla celebre fiaba di Hänsel e Gretel. Nelle storie e nei racconti le paure più tipiche dei bambini prendono vita, spesso assumendo le sembianze di soggetti umani oltremodo malvagi. Cosa c’è, quindi, di meglio che ascoltare racconti i cui protagonisti trionfano su questi esseri orripilanti per acquisire maggiore fiducia e superare ogni timore? È proprio quello che succede con Denti di ferro, la cui trama combina elementi narrativi tratti da racconti popolari turchi e russi. Il tutto, accompagnato dalle efficaci immagini di Maurizio A.C. Quarello, che fanno un uso sapiente delle ombre e del chiaroscuro, trasportandoci dapprima in un bosco oscuro dove la casa della strega svetta simile al volto di un diavolo minaccioso, con le narici che fremono e le corna puntate verso il cielo plumbeo, per poi condurci al suo interno, dove le ombre sono lunghe e incombenti e i dettagli spesso raccapriccianti: ragni e scarafaggi, coltellacci sporchi e rane parlanti, pozzi senza fondo e una strega insolitamente espressiva che, pur caratterizzata dal classico naso adunco e da unghie e denti aguzzi, ha un insolito ombretto azzurro (e baffetti e peli del naso più ispidi di quelli dei nonni!) e sfoggia una capigliatura a cono e una gamma di espressioni dal disgustato all’impaziente che ruberanno un sorriso ai lettori più adulti.
    Questa audace fuga da casa è costruita sui classici stilemi della fiaba, dalla ricorrenza del numero tre (tre fratellini, tre cibi chiesti alla strega per addormentarsi…) alla presenza di oggetti magici (sempre tre!) e animali animati, per terminare con il percorso di crescita del protagonista. Da fifone che non vuole allontanarsi da casa, infatti, sarà il più piccolo dei tre fratellini a rivelarsi il più assennato, l’unico in grado di riconoscere la strega per quello che è senza farsi ingannare dalla sua apparente affabilità né lasciarsi guidare dagli impulsi e dai desideri del momento. Con astuzia e intelligenza, sarà lui a prendere l’iniziativa per affrontare la situazione in tutta la sua gravità e capeggiare un’evasione al cardiopalma, durante la quale ai fratelli maggiori non resterà che seguirlo. Dopo qualche sussulto iniziale, il lieto fine del racconto rassicurerà i giovani lettori, trasmettendo loro l’idea che, con un po’ d’astuzia e caparbietà, tutti gli ostacoli possono essere superati.

    Download audio Download pdf

    Valentina Vignoli

    Dati Libro
    Argomento ILLUSTRATI
    Illustratore Maurizio A. C. Quarello
    Autore Tina Meroto
    Collana OQO
    Copertina Cartonato
    Dimensioni 250x240
    Pagine 44
    Lingua/e Italiano
    Peso 0.52 kg

    Commenti (0)

    Scrivi un commento


    Note: Non inserire codice HTML!

    Valutazione:



    Inserisci il codice nel box sottostante:

    © Libri.it INTER LOGOS S.R.L. - via Curtatona 5/2 - 41126 Modena - Italia -
    P.IVA e C.F. 02394080366 - REA Modena No. 298980 - C.S. 110.400 Euro
    payments