WHO IS NEMO’S

NemO's

  • Editore: #logosedizioni
  • ISBN: 9788857608716
  • Disponibilità: Immediata
  • Prezzo: 15,00€ 12,75€
    Risparmi 2,25€ (-15%) al momento dell'acquisto
    Spedizione GRATUITA per ordini sopra EUR 40

    Una raccolta di disegni, ma soprattutto di riflessioni di questo giovane street artist italiano, che guarda la quotidianità che lo circonda con occhi critici e consapevoli, traducendola per immagini attraverso il suo peculiare umorismo macabro e cinico.
    A ispirare la sua spinta espressiva è soprattutto la meraviglia per il potenziale umano e allo stesso tempo il disgusto per la società cosiddetta “civilizzata” che siamo riusciti a creare; una società che ci schiaccia, ci umilia e ci riduce a mera carne da macello, rendendoci prigionieri della nostra ingombrante materialità e della nostra spasmodica ricerca di perfezione e immortalità. Non a caso, i protagonisti delle sue opere sono soprattutto corpi nudi, deformi e dalla pelle flaccida, spesso legati, straziati e ingabbiati, e sempre vittime inermi e allucinate della loro umiliante condizione di esseri umani. Le contraddizioni, le ingiustizie e le ipocrisie del mondo in cui siamo costretti a vivere prendono così la forma di incubi che si insinuano nella mente e nell’animo dello spettatore con la speranza di risvegliarne il desiderio di riscatto.
    La scelta della street art come forma espressiva deriva proprio dalla volontà di ampliare il più possibile il potenziale comunicativo delle immagini, immergendole nel tessuto urbano per coinvolgere democraticamente le persone che ne usufruiscono e condividere con loro sensazioni e pensieri.

    NemO's ha iniziato a disegnare ancora prima di imparare a scrivere. Dopo la scuola media, si è iscritto al Liceo Artistico della sua città e in quel periodo si è avvicinato al “writing” e alla street art. Nel momento in cui ha iniziato a disegnare sui muri cittadini ha dovuto scegliersi un “Tag” e ha optato per Nemo, come il capitano di Ventimila leghe sotto i mari, il protagonista di uno dei primi fumetti di Winsor McKay e, da ultimo ma non per importanza, come la parola latina per “nessuno”, che rende il suo lavoro ancora più misterioso. Ha aggiunto il genitivo sassone ’s in modo che il suo nome d’arte significhi “di nessuno”, così da completare il paradosso insito nel proprio modo di identificarsi. Ha iniziato a scrivere il suo nome sui muri per poi abbandonare il writing e l’aspetto calligrafico iniziando a riprodurre i suoi disegni. È passato così a utilizzare personaggi e disegni per esprimere se stesso e tradurre visivamente le idee che non avrebbe potuto comunicare a parole. Il suo percorso artistico lo ha portato a maturare un particolare interesse per i colori e la carta riciclata e si è messo in cerca di un modo per “dipingere” i suoi disegni. Fino a quel momento aveva usato solo vernice spray e colori acrilici ma la carta aveva qualcosa di speciale, era una materia viva. Il lavoro di NemO’s si divide in immagini grafiche ed essenziali, veicolando un messaggio sociale attraverso personaggi che compiono azioni poetiche e surreali come quelli di una fiaba non meglio definita. Di recente ha iniziato a combinare la sua “tecnica con la carta” e disegni che affrontano tematiche sociali.

    #NemOs #ILLUSTRATI #STREETART #logosedizioni

    Una raccolta di disegni che toccano vari temi della nostra contemporaneità, dall’alienazione dell’uomo al consumismo, dalla guerra umanitaria al potere del denaro e dei mass media, dall’illusione della democrazia alla violazione dell’ambiente.
    Potrebbero essere scambiate per alieni le creature nude e flaccide dipinte dal giovane street artist noto come Nemo’s. L’obiettivo è forse la graduale invasione dei nostri spazi a opera di corpi privi di qualsivoglia individualità, distinguibili l’uno dall’altro unicamente in virtù delle pose che assumono e delle metamorfosi che ne fondono l’aspetto antropomorfo con forme di oggetti o animali.
    L’espressione dei volti è immutabile: gli occhi trasmettono terrore e sgomento, la bocca è spalancata in un perenne urlo di Munch. Ciò non significa che questi invasori atterriti, apparentemente inermi e debolissimi, non siano pericolosi. Viene in mente il cartone animato firmato da Michael Moore, La vera storia degli USA, in cui i conquistatori che sterminano gli indiani e poi portano la guerra in ogni parte del mondo sono ritratti come individui tremanti e spaventati, spinti ad aggredire per primi dalla loro stessa paura di essere aggrediti. Effettivamente le immagini di Nemo’s ci colpiscono e ci fanno male, fissandoci dai muri delle città così come dalle pagine di questo libro.
    Quella che ci restituiscono senza pietà è la vera immagine di noi stessi: in combinazione con gli elementi simbolo della contemporaneità svelano le assurdità della nostra vita e ci spingono a provarne orrore. Un orrore che deflagra facendo saltare le leggi dell’anatomia, come in un altro libro illustrato pubblicato di recente da #logosedizioni: Nueva Carne, di Claudio Romo. Così, pagina dopo pagina, incontriamo un uomo inginocchiato che piange con la schiena divenuta volto, una bocca enorme spalancata a mostrare denti come visi, e ancora volti raddoppiati, moltiplicati, volti-spugna punteggiati di occhi o squarciati da innumerevoli bocche che gridano introdotte ironicamente dalla parola silenzio, una grigia faccia-ombra da cui cade una lingua-viso atterrita. È l’inconscio che si scatena, il nostro io mostruoso che viene alla luce come la seconda metà dei mezzi uomini che si sveglia urlando, si avvicina urlando in Halber Mensch degli Einstürzende Neubauten. (Mezzo uomo / guarda la tua seconda metà / che apparentemente senza motivo / si sveglia urlando si avvicina urlando / tu non la vedi / sei completamente preso dal programma serale).
    L’inconscio insorge a svelare i meccanismi di cui siamo preda, senza tralasciare il concetto ossimorico di guerra umanitaria, l’illusione del voto democratico, la violazione dell’ambiente. Particolarmente efficaci sono le immagini dedicate a quest’ultimo tema in cui la cementificazione si incarna in un corpo che inghiotte un albero e caca un edificio per essere punito nelle immagini successive da una vegetazione che lo viola a sua volta. Tutti elementi, questi, riconducibili al primo responsabile: il mercato, vero signore del mondo che non solo riduce le persone a produttrici e consumatrici di merci ma le trasforma in merci esse stesse, da utilizzare e gettare via al bisogno. Questo sembra suggerire la tavola che mostra corpi distesi all’interno di un distributore automatico, con un braccio che sporge dallo sportello, pronto per essere afferrato dall’acquirente. In un’altra immagine, un corpo decapitato si cimenta in un classico gioco da luna park pescando tra una serie di teste ammonticchiate. Così come i corpi, le teste appaiono cave, svuotate ormai di ogni pensiero come quella che torna a tutta pagina nella tavola seguente, con attaccata l’etichetta “on sale”. L’uomo che ha rinunciato alla propria capacità critica è disposto a lasciarsi vendere senza alcuna reazione, pronto a comprare a sua volta altri esseri umani come lui. Si fa di volta in volta strumento e utilizzatore degli altri come strumenti, come si vede nelle teste-buste della spesa trasportate da una creatura decollata. I dettagli anatomici rivelano dita come chiavi o matite, bocche a forma di lucchetto, teste infrante che a guisa di salvadanai rovesciano soldi. Questi ricompaiono infilandosi negli occhi a fessura, entrano nelle teste a rimpiazzare ogni altro sogno, qualunque genere di ideale. È la forma più raffinata e totale di lobotomizzazione, messa in atto grazie ai mass media, prima fra tutti la televisione. Questa si confonde e fonde con la religione nel gruppo di immagini dedicate al tema, introdotto da un corpo trafitto dalle antenne paraboliche come il San Sebastiano dalle frecce. Ogni tavola sarebbe meritevole di commento e discussione, ogni tavola lascia il segno, solleva interrogativi e morde la coscienza in questo libro che condensa il disgusto per la nostra società cosiddetta “civilizzata”: una società che ci priva della nostra umanità riducendoci a mera carne da macello.

    Francesca Del Moro

    Dati Libro
    Autore NemO's
    Collana #ILLUSTRATI
    Anno di pubblicazione 2016
    Copertina Brossura con ali e pagine pieghevoli
    Dimensioni cm 19,0 x 23,5
    Pagine 176
    Lingua/e No Text
    Peso 0.4 kg
    Titolo Testata Data
    Nemo's dai muri alle pagine La lettura - Il Corriere della sera PDF 16-10-2016
    Who is Nemo's Playstation Official Magazine PDF 01-11-2016
    Promuovere l’arte urbana nella culla del Rinascimento: la sfida della Street Levels Gallery a Firenze Juliet www 20-11-2017
    I due libri di Nemo's Le paure dell'uomo La Nazione / Massa Carrara PDF 16-02-2018

    Commenti (0)

    Scrivi un commento


    Note: Non inserire codice HTML!

    Valutazione:

    Pessimo


    Inserisci il codice nel box sottostante:

    © Libri.it INTER LOGOS S.R.L. - via Curtatona 5/2 - 41126 Modena - Italia -
    P.IVA e C.F. 02394080366 - REA Modena No. 298980 - C.S. 110.400 Euro
    payments