TI CURO IO, DISSE PICCOLO ORSO

Janosch

  • Editore: #logosedizioni
  • ISBN: 9788857609942
  • Disponibilità: Immediata
  • Prezzo: 7,00€ 5,95€
    Risparmi 1,05€ (-15%) al momento dell'acquisto
    Spedizione GRATUITA per ordini sopra EUR 40

    Piccolo Tigre è molto malato: ha dolori dappertutto e non si regge in piedi. Per fortuna c’è Piccolo Orso a prendersi cura di lui! Lo prenderà in braccio, lo porterà a casa, lo fascerà, gli rimboccherà la coperta leopardata che gli piace tanto e gli cucinerà il suo piatto preferito (con qualche piccolo compromesso). Allora Piccolo Tigre si sentirà un po’ meglio… ma poi si sentirà di nuovo un po’ peggio, perché vorrà ricevere delle visite. Così Piccolo Orso farà una telefonata suburbana a Zia Oca, che accorrerà munita di sciroppo di nuvole. Allora Piccolo Tigre si sentirà un po’ meglio… ma poi si sentirà di nuovo un po’ peggio. Nessuno capisce cosa gli sia successo, così su consiglio di Lepre Scarpe Veloci tutti insieme decidono di farlo visitare dal Dottor Membrana. Un lungo corteo partirà quindi di buon mattino dalla casa di Piccolo Orso alla volta dell’ospedale degli animali… ma non c’è da aver paura, perché all’ospedale degli animali si sta bene!

    La biblioteca della Ciopi si arricchisce di un nuovo titolo, scritto e illustrato dall’amatissimo autore per l’infanzia Janosch, pseudonimo di Horst Eckert. Una storia per sorridere ripensando a tutte le volte che siamo stati malati e abbiamo ricevuto le amorevoli cure di amici e parenti… e che ne abbiamo approfittato per farci coccolare un po’. Tuffatevi nel tenero e ironico mondo di Janosch, pieno di animali gentili e dialoghi surreali, e scoprite il potere curativo dell’amicizia, dell’affetto, della solidarietà… e, ovviamente, del vostro piatto preferito!

    L’autore e illustratore
    Janosch
    (vero nome Horst Eckert) nasce nel 1931 a Zaborze, Polonia. Dal 1944 al 1953 lavora come fabbro in un’officina e poi in fabbrica come disegnatore tessile. Successivamente si avvicina alla pittura, e si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Monaco di Baviera, dove tuttavia durante il periodo di prova è costretto a interrompere gli studi. Da allora fa l’artista: dipinge, inventa rime, crea storie e personaggi, ed è autore di oltre 100 libri (albi illustrati, libri per ragazzi e romanzi) e orgoglioso papà di Piccolo Tigre, Piccolo Orso & co. Il suo libro Oh, wie schön ist Panama (Oh, com’è bello Panamá) ha vinto il Deutscher Jugendliteraturpreis. Janosch vive su un’isola solitaria tra il sole e il mare.

    #laBIBLIOTECAdellaCIOPI #ILLUSTRATI #logosedizioni

    Piccolo Tigre esce dal bosco zoppicando, e sta così male che non si regge in piedi. E allora non gli resta che sdraiarsi a terra, proprio lì in mezzo al prato. Per fortuna Piccolo Orso accorre immediatamente in suo aiuto, e siccome Piccolo Tigre ha male a una zampa e poi all’altra, e anche alle gambe, “e davanti e dietro, e a destra e a sinistra, e sopra e sotto”, non gli resta che prenderlo in braccio e portarlo a casa, dove lo adagia delicatamente sulla tavola, come si fa dal dottore vero, per fasciarlo per bene! Ci penserà lui a curarlo.
    Ma la fasciatura da sola non basta, servono anche un po’ di coccole, e Piccolo Orso decide di cucinare a Piccolo Tigre il suo piatto preferito! O be’, in ogni caso di cucinargli un’ottima zuppa di patate e carote dell’orto, con lamponi per dessert.
    Ma si sa, per guarire bisogna riposarsi, e così dopo pranzo Piccolo Tigre deve fare un riposino, ovviamente con la sua coperta preferita. E quando si sveglia si sente un po’ meglio, ma poi si sente di nuovo un po’ peggio, perché gli piacerebbe tanto ricevere delle visite. E così l’affettuoso Piccolo Orso, con una telefonata suburbana, contatta Zia Oca.
    E in breve la casa si riempie di amici, che dopo un rapido consulto decidono che è il caso di portare Piccolo Tigre dal Dottor Membrana, all’ospedale degli animali, perché non tutte le malattie si possono curare con una zuppa calda e un riposino. Ma non c’è da preoccuparsi, perché all’ospedale degli animali si sta bene!
    L’indomani mattina parte quindi un festoso corteo di animali alla volta dell’ospedale. Ci sono Lupo Forzuto e Caprone che portano la barella di Piccolo Tigre, Anatra Gialla e Lepre del Bosco, Topo, Volpe, Cane, Riccio e Asino Errante col suo zaino, e anche il grigio Elefantone Gentile.
    Arrivato all’ospedale, Piccolo Tigre viene preso in cura dalla gentilissima infermiera Lucia, dal Dottor Membrana, e anche dal Dottor Filigrana, che gli fa una radiografia!
    Dopo una punturina e una piccola operazione innocua, Piccolo Tigre può tornare a casa guarito con il suo drappello di amici, pronti per una nuova avventura…
    Pubblicato originariamente nel 1985 e tradotto in diverse lingue, Ti curo io, disse Piccolo Orso è solo una delle puntate che raccontano il meraviglioso microcosmo di animali creato da Janosch, celebre autore tedesco vincitore di importanti premi di illustrazione, tra cui lo Jugendliteraturpreis tedesco. È un microcosmo fatto di tenerezza, battute divertenti, attenzione ai dettagli e, soprattutto, amicizia.
    È proprio l’amicizia il tema portante di questo nuovo volume della Biblioteca della Ciopi, importante più che mai proprio nel momento in cui ci si ammala, si è più indifesi e si ha bisogno di aiuto, che si tratti di una visita dal dottore o della semplice presenza di una persona cara al nostro fianco che ci rassicura e ci dice che andrà tutto bene. Che non dovremo preoccuparci di nulla ma, semplicemente, imparare ad affidarci. E così scopriamo che non è poi tanto brutto ammalarsi, se c’è qualcuno a prendersi cura di noi! E anche l’ospedale e tutto ciò che lo popola e gli ruota intorno assumono un altro aspetto! Perché all’ospedale ci sono infermiere amorevoli che ti lavano col sapone alla rosa per essere tutto profumato, e compagni di stanza grandi e sbruffoni più spaventati di te. E ci sono dottori gentili che ti spiegano tutto quello che non sai e tutto quello che ti succederà, così la spaventosa macchina per le radiografie e le punture non fanno più così paura: sono solo raggi invisibili che ti attraversano il corpo per far vedere al dottore cosa c’è dentro, e pizzichini leggeri che ti fanno fare un bel sogno blu! Risveglio, fine dell’operazione, Piccolo Tigre guarito, si torna a casa tutti insieme. E l’anno prossimo sarà Piccolo Orso a potersi ammalare, e Piccolo Tigre a prendersi cura di lui.
    Il tema della malattia e dell’ospedale non è facile da affrontare in maniera semplice e senza drammatizzare. Le delicate e coloratissime immagini di Janosch ci riportano in un mondo fiabesco d’altri tempi e, unite ai dialoghi a tratti surreali, riescono a normalizzare uno degli argomenti che da sempre spaventa i bambini di tutto il mondo, avvolgendolo in un’atmosfera di tenerezza mai melensa che ci fa venire voglia di sdraiarci a fare un pisolino sotto la coperta leopardata con Piccolo Tigre, e di mangiare un bel piatto di zuppa dell’orto!
    Da non trascurare gli innumerevoli dettagli che popolano ogni tavola, dai cartelli e i quadri appesi alle pareti, al delizioso disordine che domina ogni stanza… alla divertente contro-storia impersonata da una ranocchietta che, trascinandosi sempre dietro la Tigranatra, come un bambino piccolo ripete a modo suo tutto quello che accade a Piccolo Tigre e Piccolo Orso.

    Valentina Vignoli

    Dati Libro
    Autore Janosch
    Collana #ILLUSTRATI
    Anno di pubblicazione 2018
    Copertina Brossura con ali
    Dimensioni cm 15,0 x 19,0
    Pagine 48
    Lingua/e italiano
    Peso 0.2 kg

    Commenti (0)

    Scrivi un commento


    Note: Non inserire codice HTML!

    Valutazione:

    Pessimo


    Inserisci il codice nel box sottostante:

    © Libri.it INTER LOGOS S.R.L. - via Curtatona 5/2 - 41126 Modena - Italia -
    P.IVA e C.F. 02394080366 - REA Modena No. 298980 - C.S. 110.400 Euro
    payments